Domenica, 15 Maggio 2011 02:00

Ntunë

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Vardiello,  Immagine tratta dal libro "Fiabe classiche", raccolte e ordinate da Simonetta Palazzi, Milano-Messina, Principato, 1941. Illustrazioni di Aleardo Terzi. Vardiello, Immagine tratta dal libro "Fiabe classiche", raccolte e ordinate da Simonetta Palazzi, Milano-Messina, Principato, 1941. Illustrazioni di Aleardo Terzi. www.indire.it

C'era una volta una mamma che aveva un figlio un po' suonato di nome Ntunë. Ogni volta che la mamma si allontanava faceva perciò sempre mille raccomandazioni al figliolo a che non si cacciasse nei guai. E così un giorno che dovette recarsi a lavorare in campagna prevedendo di stare via tutto il giorno prima di partire gli disse: "Antù, mentre io sono via controlla che la chioccia non si allontani dalle uova, perché se le uova non rimangono al caldo non schiuderanno i pulcini...

Inoltre ricordati di non accendere il fuoco per nessun motivo, né di andare in cantina a prendere il vino. Quando torno ci penso io. Un'ultima cosa: non toccare il vasetto nel forno che è pieno di veleno. E chiuditi dentro e non aprire a nessuno." La mamma sapeva che era miele, ma perché Ntune non lo mangiasse disse che era veleno. E così detto, partì.

La storia è la trasposizione dialettale della quarta novella  della prima giornata de Lo cunto de li cunti di Giovan Battista Basile, intitolata Vardiello, il cui protagonista scioccone interrogato dal giudice sul ritrovamento di un tesoro così conclude: «L'aggio trovato a no palazzo, drinto n'ommo muto, quanno chiovettero passe e fico secche».

  

VARDIELLO
TRATTENEMIENTO QUARTO
DE LA IORNATA PRIMMA

di Giovan Battista Basile


Vardiello, essenno bestiale, dapo’ ciento male servizie fatte a la mamma le perde no tuocco de tela, e volenno scioccamente recuperarela da na statola, deventa ricco.
Fenuto c’appe lo cunto Meneca, lo quale fu stimato niente manco bello dell’autre ped essere ’nmottonato de curiuse socciesse, che tenne fi’ a la coda pesole lo pensiero de l’auditure, secotaie, pe commandamiento de lo prencepe, Tolla, la quale senza perdere tiempo decette de sta manera: «Se avesse dato la Natura a l’anemale necessetà de vestire e de spennere pe lo vitto, sarria senz’autro destrutta la ienimma quatrupeda; perzò, trovando lesto lo civo senza ortolano che lo coglia, compratore che l’accatta, cuoco che l’apparecchia, scarco che lo trencia, lo stisso cuoiero lo defenne da lo chiovere e da la neve, senza che lo mercante le dia lo drappo, lo cosetore le faccia lo vestito e lo guarzone le cerca lo veveraggio. Ma a l’ommo, c’have ’ngiegno, non s’è curata de darele sta commodetate, perché sape da se medesemo procacciarese chello che l’abbesogna; chesta è la causa che se vedeno ordenariamente pezziente li sapute e ricche li bestiale, comme da lo cunto che vi dirraggio poterrite racogliere.

Fu Grannonia d’Aprano femmena de gran iodizio, ma aveva no figlio chiammato Vardiello, lo chiù sciagorato ’nsemprecone de chillo paese: puro, perché l’uocchie de la mamma so’ affatturate e stravedeno, le portava n’ammore svisciolato e se lo schiudeva sempre e allisciava, comme se fosse la chiù bella creatura de lo munno.
Aveva sta Grannonia na voccola che schiudeva li polecine, ne li quali aveva puosto tutta la speranza de farene na bella sporchia e cacciarene buono zuco e, avenno da ire pe no fatto necessario, chiammaie lo figlio, decennole: «Bello figliulo de mamma toia, siente cà: aggie l’uocchie a sta voccola, e, si se leva a pizzolare, sta ’n cellevriello a farela tornare a lo nido, autramente se refreddano l’ova e po’ non averrai né cucche né titille».
«Lassa fare a sto fusto», disse Vardiello, «ca no l’haie ditto a surdo». «N’autra cosa», leprecaie la mamma, «vide, figlio beneditto, ca drinto a chillo stipo c’è na fesina de certe ’mbroglie ’ntossecose: vi’ che non te tentasse lo brutto peccato a toccarele, ca ce stennerisse li piedi».
«Arrasso sia!», respose Vardiello, «tuosseco non me ce cuoglie; e tu sapia co la capo, pazza ca me l’haie avisato, ca ce poteva dare de pietto e non c’era né spina, né uosso».
Accossì, sciuta la mamma, restaie Vardiello, lo quale pe no perdere tiempo scette a l’uorto a fare fossetelle coperte de sproccola e terreno pe ’ncappare li peccerille, quanno, a lo meglio de lo lavore, s’addonaie ca la voccola faceva lo spassiggio pe fora la cammara, pe la quale cosa commenzaie a dicere: «Sciò, sciò, frusta ccà, passa llà»; ma la voccola non se moveva de pede e Vardiello, vedenno ca la gallina aveva de l’aseno, appriesso a lo sciò sciò se mese a sbattere li piede, appriesso a lo sbattere de li piede a tirare la coppola, appriesso a la coppola le tiraie no lacanaturo, che, centola pe miezo, le fece fare lo papariello e stennecchiare li piede.
Visto Vardiello sta mala desgrazia, pensaie de remmediare a lo danno e, fatto de la necessetà vertute, azzò no refreddassero l’ova, sbracatose subeto se sedette ’ncoppa a lo nido: ma, datoce de cuorpo, ne fece na frittata. Visto ca l’aveva fatta doppia de figura, appe a dare de capo pe le mura; all’utemo, perché ogne dolore torna a voccone, sentennose pepoliare lo stommaco se resorvette ’nnorcarese la voccola; e perzò, spennatola e ’nfilatola a no bello spito, fece no gran focarone e commenzaie ad arrostirela; e, essenno adesa cotta, pe fare tutte le cose a tiempo stese no bello cannavaccio de colata ’ncoppa no cascione viecchio e pigliato n’arciulo scese a la cantina a spinolare no quartarulo.
E stanno a lo meglio de lo mettere vino, ’ntese no rommore, no fracasso, no streverio pe la casa, che parevano cavalle armate: pe la quale cosa tutto sorriesseto votato l’uocchie vedde no gattone che co tutto lo spito se n’aveva zeppoliata la voccola e n’autra l’era appriesso gridanno co la parte. Vardiello pe remmediare a sto danno se lassaie comme a lione scatenato ’n cuollo a la gatta e pe la pressa lassaie spilato lo quartarulo e, dapo’ avere fatto a secutame chisso pe tutte li pentune de la casa, recuperaie la gallina ma se ne scorze lo quartarulo; dove tornato Vardiello, e visto ca l’aveva fatta de colata, spinolaie isso perzì la votte dell’arma pe le cannelle dell’uocchie. Ma, perché l’aiutava lo iodizio, per remmediare a sto danno, azzò la mamma no s’addonasse de tanta ruina, pigliaie no sacco raso raso, varro varro, chino chino, zippo zippo e a curmo a curmo de farina e la sparpogliaie pe ’ncoppa a lo ’nfuso.
Co tutto chesto, facenno lo cunto co le deta de li desastre socciesse e pensanno c’avenno fatto scassone d’asenetate perdeva lo iuoco co la grazia de Grannonia, fece resoluzione de core de no farese ashiare vivo da la mamma. Perzò, dato drinto la fesina de nuce conciate che la mamma le disse ch’era de tuosseco, maie levaie mano fi’ che no scoperze la petena e, chinose buono la panza, se ’ncaforchiaie drinto a no furno.
Fra chisto miezo venne la mamma, e, tozzolato no gran piezzo, visto ca nesciuno la senteva, dette no caucio a la porta e, trasuta drinto e chiammanno a gran voce lo figlio, vedenno ca nesciuno responneva se ’nzonnaie lo male iuorno e, reforzanno le doglie, auzaie chiù forte li strille: «O Vardiello, o Vardiello, haie la sordia, che no siente? haie le iorde, che no curre? haie la pipitola, che no respunne? dove sì, faccie de ’mpiso? dove sì squagliato, mala razza? che t’avesse affocato ’n foce, quando te fice!».
Vardiello, che ’ntese sto greciglio, all’utemo co na vocella pietosa pietosa disse: «Eccome cà: so’ drinto lo furno e no me vederrite chiù, mamma mia». «Perché?» respose la negra mamma. «Perché so’ntossecato», leprecaie lo figlio. «Ohimè», soggionze Grannonia, «e comme haie fatto? che causa haie avuto de fare sto ’mecidio? e chi t’ha dato lo tuosseco?». E Vardiello le contaie una ped una tutte le belle prove c’aveva fatto, pe la quale cosa voleva morire, e non restare chiù pe spremmiento a lo munno.
Sentenno ste cose la mamma negra se vedde, ’mara se vedde, appe da fare e che dire pe levare da capo a Vardiello st’omore malenconeco e, perché le voleva no bene svisciolato, co darele certe autre cose sceroppate le levaie da chiocca la cosa de le nuce conciate, ca non erano venino, ma conciamiento de stommaco. Accossì, accordatolo de bone parole e fattole mille carezzielle, lo tiraie da drinto lo furno e, datole no bello tuocco de tela, le disse che lo fosse iuto a vennere, avvertendolo a non trattare sta facenna co perzune de troppo parole.
«Bravo!» disse Vardiello. «Mo te servo de musco, no dobetare!». E, pigliatose la tela, iette gridanno pe la cetate de Napole, dove portaie sta mercanzia: «Telo, telo!». Ma a quante le decevano: «Che tela è chesta?», isso responneva: «No faie pe la casa mia, c’haie troppo parole». E si n’autro le deceva: «Comme la vinne?», isso lo chiammava cannarone e che l’aveva scellevrellato e rutto le chiocche.
All’utemo, veduto drinto no cortiglio de na casa desabetata pe lo monaciello na certa statola de stucco, lo poverommo, spedato e stracco de ire tanto ’n vota, se sedette ’ncoppa a no puoio e, non vedenno trafecare nesciuno pe chella casa, che pareva casale saccheiato, tutto maravegliato disse a la statola: «Dì, cammarata, ’nce abita nullo a sta casa?». E, vedenno ca no responneva, le parze ommo de poco parole e disse: «Vuoite accattare sta tela, ca te faccio buon mercato?». E, vedenno la statola puro zitto, disse: «Affé, ch’aggio trovato chello che ieva cercanno: pigliatella e fattela vedere e dammene chello che vuoie, ca craie torno pe li fellusse».
Cossì ditto, lassaie la tela dove s’era assettato, che lo primmo figlio de la mamma che ’nce trasette pe quarche servizio necessario, trovato la sciorta soia, se ne l’auzaie. Tornato Vardiello a la mamma senza la tela e contato lo fatto comme passava, l’appe a venire l’antecore, decennole: «Quanno metterai cellevriello a siesto? vide quanta me n’haie fatte! arrecordatelle! ma io stessa me lo corpo ped essere troppo tennera de premmone: non t’aggio a la primma aggiustato li cambie e mo me n’addono, ca miedeco pietuso fa la chiaia ’ncorabele. Ma tanta me ne faie pe fi’ che buono ’nce ’nturze e farrimmo cunte luonghe». Vardiello da l’autra parte diceva:
«Zitto, mamma mia, ca non sarrà quanto se dice! vuoie autro che li tornise scognate nuove nuove? che te cride, ca so’ de lo Ioio e ca non saccio lo cunto mio? ha da venire craie, da ccà a bello vedere non ’nc’è tanto, e vederraie si saccio mettere na maneca a na pala».
Venuto la mattina – quanno l’ombre de la Notte secotate da li sbirre de lo Sole sfrattano lo paiese – Vardiello se conzegnaie a lo cortiglio, dove era la statola, dicenno:
«Bondì, messere: staie commodo pe dareme chille quattro picciole? ora susso, pagame la tela». Ma, vedenno ca la statola era muta, deze de mano a na savorra e ’nce la schiaffaie co tutta la forza de ponta ’n miezo a l’arca de lo pietto, tanto che le roppe na vena, che fu la sanetate de la casa soia, pocca, scaruppate quattro mazzacane, scoperze na pignata chiena de scute d’oro, la quale afferrato a doie mano corze a scapizzacuollo a la casa gridanno: «Mamma, mamma, quanta lupine russe, quantane, quantane!».
La mamma, visto li scuti e sapenno ca lo figlio averria sprubecato lo fatto, le disse che fosse stato a pede la porta pe quanno passava lo caso-recotta, ca le voleva accattare no tornese de latto. Vardiello, ch’era no pappone, subeto se sedette ’n mocca la porta e la mamma fece grannaneiare pe chiù de mez’ora da la fenestra chiù de seie rotola de passe e fico secche, le quale Vardiello adunanno strillava: «O mamma, o mamma, caccia concole, miette cavate, apara tinelle, ca si dura sta chioppeta sarrimmo ricche!». E, comme se n’appe chiena bona la panza, se ne sagliette a dormire.
Occorze che no iuorno, facenno a costeiune dui lavorante, esche de corte, pe na pretennenzia de no scuto d’oro trovato ’n terra, ce arrivaie Vardiello e disse: «Comme site arcasene a litechiare pe no lupino russo de chiste, de li quali io non ne faccio stimma, pocca n’aggio trovato na pignata chiena chiena». La Corte, ’nteso chesto, aprennoce tanto d’uocchie lo ’nzammenaie e disse comme, quanno e con chi avesse trovato sti scute. A lo quale respose Vardiello: «L’aggio trovato a no palazzo, drinto n’ommo muto, quanno chiovettero passe e fico secche». Lo iodece, che ’ntese sto sbauzo de quinta ’n macante, adoraie lo negozio e decretaie che fosse remisso a no spitale, comme a iodece competente suio. Cossì la ’gnoranzia de lo figlio fece ricca la mamma e lo iodizio de la mamma remmedeiaie a l’asenetate de lo figlio. Pe la quale cosa se vedde chiaro che

nave che coverna buon pelota,
è gran desgrazia quanno tozza a scuoglio».

Letto 1736 volte Ultima modifica il Venerdì, 18 Luglio 2014 08:47

Condividi questo articolo

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.\nBasic HTML code is allowed.